L’Airone onlus

L’associazione L’Airone onlus, nata a Trinitapoli nel 1989, si impegna per diffondere la conoscenza del patrimonio naturalistico e di biodiversità delle Zone umide, per uno sviluppo locale basato sulla valorizzazione delle risorse naturali, culturali ed agroambientali e sulla difesa della biodiversità in tutte le sue forme.

Dopo aver collaborato con il Comune di Trinitapoli alla ideazione e redazione del progetto di recupero dell’antica Masseria Castello e del piano di gestione della struttura, dal 2003 gestisce il Centro di Educazione Ambientale “Casa di Ramsar”, che prende il nome dalla Convenzione sulle Zone umide di Importanza Internazionale, siglata a Ramsar, in Iran, nel 1971. Il CEA “Casa di Ramsar” è un centro di eccellenza della rete di educazione ambientale In.F.E.A. della Regione Puglia, svolge attività di educazione ambientale con le scuole, visite guidate per gruppi, amanti del birdwatching, cicloamatori, organizza eventi legati alla fruizione compatibile delle aree naturali, promuove la fotografia naturalistica, la ricerca scientifica, il turismo sostenibile.

L’associazione ha coordinato il gruppo di lavoro per la redazione del Piano di Gestione del SIC/ZPS “Zone umide di Capitanata”; elabora e realizza progetti di conservazione e valorizzazione della Zona umida delle Saline di Margherita di Savoia orientati alla promozione dello sviluppo locale ed alla fruizione sostenibile; progetta e gestisce corsi di formazione, in collaborazione con enti accreditati al sistema regionale della formazione; organizza eventi di comunicazione e sensibilizzazione su temi ambientali; promuove la mobilità sostenibile, soprattutto l’uso della bicicletta, la realizzazione di piste ciclabili, la connessione tra treno e bici; pubblica materiali a contenuto scientifico divulgativo e di promozione del territorio; è partner della Provincia di Barletta-Andria-Trani nel SAC (Sistemi ambientali e culturali) “Terre diomedee” e socio del Gruppo di Azione locale “Daunofantino”.

Contattaci

Vai alla barra degli strumenti